“Cecità editoriale” la casa editrice La scuola si scusa per i luoghi comuni sul Sud

Esposito (Lista MO!): ascoltata la nostra denuncia

La casa editrice La Scuola si scusa con i meridionali per il libro di scuola media La Terra dei Popoli, che lei stessa oggi definisce "pieno di luoghi comuni" e "un caso di cecità editoriale". Il caso è nato da una denuncia online dei meridionalisti di MO!, la lista civica che sarà presente alle prossime regionali in Campania. "Siamo soddisfatti - dice Marco Esposito, candidato presidente di MO! - perché adesso ci sarà maggiore attenzione su questo tema. In ogni caso continueremo a raccogliere le segnalazioni di studenti, genitori e insegnanti all'indirizzo denunce@mosud.org"

In Terra dei Popoli si leggono affermazioni di tale tenore: Il trevigliese? "Abita a metà strada tra Bergamo e Milano (...) Del bergamasco possiede certamente il senso del lavoro, un lavoro molto intenso, svolto con semplicità e orgoglio, senza minimamente lamentare la fatica; parsimonioso ma non tirchio, risparmia ma sa rischiare; del milanese manifesta una certa ambizione, senza però possederne la cultura e l'apertura". Il sorrentino? "Di carattere aperto come tutti i popoli meridionali, i sorrentini sono simpatici e chiacchieroni, amanti della vita e in particolare della vita all'aperto (...) Non è vero che rifuggono dal lavoro: piuttosto non sono in possesso di una mentalità che sa quando e come rischiare, così che le aziende private sono poche e prevalgono lavori di tipo statale (...) E' gente che canta e vuole essere allegra, nelle bellezze di una natura straordinaria". E via di questo passo, tra i molisani che hanno "mentalità poco imprenditoriale ma carattere aperto" e i lombardi che "sanno organizzarsi e costruire" anche se "di non molte parole e alle volte un po' riservati".

La casa editrice che ha dato l'ok al libro si è scusata, spiegando a www.repubblica.it di aver "rotto i rapporti con gli autori". "E' un testo vecchio, e stiamo già lavorando a quello nuovo. Terra dei popoli è stato un momento di cecità editoriale", ha detto Ilario Bertoletti, direttore editoriale dell'editrice che ha sede a Brescia. Bertoletti non era alla guida de La Scuola quando uscì il libro di geografia: "E' accaduto in un momento di cambiamento del management", dice. Il suo giudizio è netto: "E' evidente che è pieno di luoghi comuni".

2 Risposta

  1. […] la presa di posizione della lista civiva MO, il cui candidato presidente Marco Esposito afferma tramite comunicato stampa: “Siamo soddisfatti perché adesso ci sarà maggiore attenzione su questo tema. In ogni caso […]
  2. Bisogna evidenziare, però, che la "vittoria" è stata di Ilario Bertoletti che pare si sia mosso prima della giusta contestazione. In ogni caso fa bene MO a ridurre i margini dell'ipocrisia morale che si è determinata per una "accomodante" storiografia italiana.
  3. I figli di zoccola a me 60/65 anni fa mi hanno fatto insegnare proprio una "storia" (de l' anema di ci l' è muert' e stramuert' !) proprio come questa. Maledetti... Che possiate sprofondare nelle fiamme dello 'nferno più ardente !

Lascia un commento